YogaAscuola

Il Ministero della Pubblica Istruzione ha firmato, nel luglio '97, il Protocollo di Intesa con la Confederazione Nazionale Yoga al fine di promuovere e sostenere la diffusione nelle scuole dello yoga, riconoscendone l'alto valore formativo.

Lo yoga è un antica disciplina evolutiva che si occupa del corpo e della mente perché il ritmo della mente si conquista tramite il controllo del corpo.
Lo yoga, attraverso le varie tecniche e pratiche, fa prendere confidenza del proprio corpo, porta il bambino ad ascoltare il proprio respiro, a concentrarsi e a rilassarsi, favorendo così le capacità di apprendimento e rafforzando le potenzialità dell'individuo.
Nel processo evolutivo che i bambini stanno vivendo, l'antica disciplina orientale apporta con i propri valori, in maniera diretta e spontanea, la formazione del bambino.

Il percorso di YOGASCUOLA per la scuola dell'Infanzia si avvale dell'ascolto musicale secondo la metodologia americana Music Learning Theory di  Edwin E. Gordon.
L'ascolto musicale, in particolar modo per i più piccoli, fa parte di quelle esperienze multisensoriali che accompagnano il bambino nella scoperta di spazio e tempo attraverso il proprio corpo.

L'ascolto ed il movimento si presentano, quindi, nel processo di apprendimento, sia come due strumenti educativi, sia come due possibilità espressive attraverso le quali si realizza l'intenzione relazionale ed affettiva del bambino e dell'educatore.


L'ascolto è dunque relazione, il corpo all'interno di questa attività non sarà solo un strumento per l'orientamento spaziale ma sarà un organo che esprime ciò che recepisce e sente.
Quindi ascolto è spazio, spazio di risonanza, spazio emotivo, ma anche tempo perché l'ascolto prevede l'attesa, attesa di un qualsiasi segno compreso il silenzio.

L'ascolto è tendere verso, è attesa dell'altro, l'attesa dell'altro che si palesa dentro di sé, un'attesa che muove emozioni, affetti, che si apre ad una risonanza inaspettata che sempre ci sorprende.
La capacità di stabilire e mantenere un contatto interno con quanto è possibile ascoltare, oltre ad ampliare uno spazio di conoscenza, è motore di espressione e di crescita.

La musica con le sue strutture simboliche, priva di strutture oggettuali e narrative tipiche del linguaggio, riesce a penetrare in profondità ed allo stesso momento è di comprensione immediata poiché rivela strutture emotive arcaiche tipiche del mondo dell'infanzia.

Yoga e musica, corpo, movimento e ascolto per guidare i bambini, all'interno di un'esperienza multisensoriale, in un percorso formativo di conoscenza di se stessi.